post

Le specialità culinarie da scoprire nei ristoranti a Trieste

Esplorando la regione del Friuli Venezia Giulia, non si può fare a meno di incontrare, lungo il proprio percorso, in interessanti ristorantini tipici.
Ciascuno di essi avrà, proposte à la carte, le sue specialità, ma esistono alcuni piatti tipici della zona che vanno assolutamente assaggiati.

Partendo dagli antipasti, per chi ha l’occasione di mangiare a Trieste, non si può non provare il prosciutto cotto in crosta, affumicato e cotto avvolto nell’impasto del pane, rigorosamente da tagliare al coltello. Tra gli imperdibili piatti di origine veneta, invece, definiamo imperdibili i sardoni in savor, a base di alici infarinate, fritte e marinate con le cipolle, e il baccalà mantecato. Tra i piatti a base di pesce a Trieste, inoltre, come dimenticare la granseola? Questa ricetta di origine istriana, realizzata con polpa di granchio condita con olio, succo di limone, sale, pepe e prezzemolo e servita all’interno del suo guscio, merita senza dubbio di essere assaggiata.

La cucina triestina offre un mix di piatti di terra, di mare e vegetariani. Innanzitutto sono molto diffuse le zuppe, la maggior parte a base di legumi e cereali. Anche gli gnocchi (si può scegliere solitamente tra quelli fatti di fegato, di pane, di susine, preparati con pane raffermo, e quelli con il gulash) godono della stima di molti appassionati di buona cucina. Famosissimi sono anche i primi a base di riso o gli strucoli, ovvero i “parenti triestini” dei cannelloni.

Nei ristoranti di pesce in Friuli Venezia Giulia si possono assaggiare dei piatti tipici molto raffinati come il merluzzo all’istriana, preparato con capperi tritati, acciughe e patate, o gli scampi alla busara, cotti interi in un soffritto di olio, aglio, peperoncino e pangrattato, sfumati con il vino bianco e conditi con il pomodoro.