post

Un buon piatto di pesce si gusta meglio se accompagnato da un buon bicchiere di vino. Ma come fare a scegliere quello giusto, che sappia esaltare i sapori anziché nasconderli? Come faccio a decidere che tipo di vino abbinare al piatto a base di pesce che ho ordinato senza fare brutte figure? Posto che, se non siamo esperti, chiedere consiglio al caposala di un ristorante sul mare a Trieste è sempre buon costume. Ma se davvero volete capire come abbinare il vino giusto la prossima volta che andate fuori a cena nella vostra trattoria di pesce preferita, ecco alcuni consigli facili facili per non sbagliare. 

Ristoranti sul mare a Trieste: per ogni portata il giusto calice di vino

Innanzitutto, in un ristorante di pesce a Trieste va ordinato il vino fermo. Il pesce si accompagna bene a un vino bianco ma soprattutto fermo, cioè senza bollicine. Il vino non deve essere particolarmente corposo, o troppo saporito. Questo perché il pesce ha già di suo un sapore delicato e non si può correre il rischio che il vino copra il sapore della portata principale. È anche per questo motivo che si prediligono vini bianchi e fermi rispetto a vini frizzanti e dolciastri o addirittura a vini rossi, che mediamente risultano più corposi e saporiti. 

A seconda della tipologia di pesce, poi, si può abbinare un tipo di vino differente. La prossima volta che cenerete in un ristorante sul mare a Trieste, chiedete al sommelier o al caposala di illustrarvi la carta dei vini. In questo modo potrete scegliere con calma quello che più vi aggrada e che meglio si adatta al vostro piatto. 

Piccolo esempio: se avete chiesto un piatto a base di pesce particolarmente speziato o profumato, potreste abbinarci un vino altrettanto aromatico o leggero. Un moscato secco, in questa circostanza, sarebbe l’ideale. Se, invece, avete richiesto un piatto a base di pesce marinato o con una forte presenza di limone, potreste abbinargli un vino bianco più morbido, meno acido, come ad esempio un buon chardonnay.